Economia della Grecia

Addthis

Economia della Grecia

 

La Grecia è un paese tradizionalmente agricolo, che ha compiuto dagli anni '60 un notevole sforzo di industrializzazione che le ha permesso di essere ammessa alla Comunità economica europea.

Nonostante la tradizione agricola, la Grecia non è particolarmente favorita dal territorio prevalentemente montuoso e dal clima spesso secco. Il prodotto principale è il frumento, soprattutto coltivato nelle pianure della Macedonia e della Tracia, seguono l'orzo, il mais, il riso e l'avena. Più rilevanti ai fini commerciali sono alcune colture di tipo arboreo quali l'olivo (la Grecia è il terzo produttore d'olio d'oliva del mondo) la vite e gli agrumi, destinati in buona parte all'esportazione. Dall'uva si ricavano notevoli quantità di vino, rinomato anche all'estero, ma molto rilevante è anche la produzione di uva passa. In crescita sono le produzioni di cotone e di tabacco. Altri prodotti agricoli sono semi oleaginosi, barbabietole da zucchero e prodotti ortofrutticoli.

Il manto forestale è assai povero, quindi modesta la produzione di legname, contenuta anche l'attività zootecnica, prevalentemente limitata dalla scarsità di pascoli. Relativamente carente anche la pesca.

Il sottosuolo presenta una certa varietà di minerali, ma spesso in quantità esigue. Le principali produzioni minerarie sono di nichel, bauxite e magnesite. Si estraggono inoltre lignite, minerali di ferro, manganese e argento. Famosi i marmi e lo smeriglio (nell'isola di Nasso), oltre ai materiali da costruzione in genere. La produzione di energia elettrica poggia per il 70% sul petrolio di importazione.

L'industria ha subito un forte sviluppo in particolare nel settore tessile (soprattutto cotone, ma anche fibre sintetiche) nel settore alimentare (industrie vinicole, zuccherifici, oleifici, birrifici) e nella manifattura del tabacco. Un certo impulso hanno subito inoltre l'industria chimica e petrolchimica, della siderurgia (laminati di ferro) e della metallurgia (piombo, alluminio).

La Grecia è stata per lungo tempo il fanalino di coda economico dell'Unione Europea, ma le distanze si sono via via accorciate da quando l'economia ellenica ha fatto uno sforzo notevole per entrare a far parte dell'euro. Gli anni successivi all'entrata nell'Unione sono stati effettivamente dal miracolo economico, con l'inflazione che è scesa, con l'abbattimento di gran parte del disavanzo pubblico e con un aumento deciso del prodotto interno lordo. L'Europa è stata decisiva e si è dimostrata una grande opportunità per migliorare i conti e modernizzare il paese. L'Europa è stata anche una grande opportunità per attingere a consistenti aiuti che hanno permesso investimenti in infrastrutture necessari da decenni. In definitiva la Grecia segue il resto dell'Europa con qualche anno di ritardo, attraversa le stesse difficoltà che hanno attraversato prima altri paesi più deboli in Europa. Se il paese saprà sciogliere i vecchi problemi di inefficienza del settore pubblico, di eccessivo carico pensionistico nel bilancio dello Stato, di una imperante evasione fiscale, di una onnipresente economia sommersa, allora il paese, che certo non manca di validissime figure professionali e statali, saprà presto fare come e forse meglio degli altri paesi.

Un altro grosso problema da cui la Grecia si deve emancipare è il fatto di essere troppo Atene centrica, cioè quasi tutto si svolge ad Atene concentrando nella capitale troppe risorse ma anche tanti problemi, a partire dal traffico e dall'inquinamento. Il resto del paese non è nemmeno paragonabile alla capitale.

Infine, come tanti di noi sanno, la Grecia vuol dire anche e soprattutto turismo, sia nelle forme familiari sia nelle grandi strutture gestite da agenzie di viaggio internazionali e tour operator. Dalla sola Italia arrivano più di un milione di persone all'anno, arrivi che si concentrano nelle isole Ionie, nelle Cicladi e a Creta e alla scoperta dei siti archeologici.