Miss Violence - Festival di Venezia 2013

Addthis

 

Nel film greco in concorso al Lido il dramma di una famiglia, tra incesto e violenza

70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica | la Biennale di Venezia 2013
Un premio per la Grecia e per il cinema Greco

dal 31 Ottobre al cinema

 

Le famiglie possono essere dei luoghi orribili. Angeliki l'ha appena saputo. È il giorno del suo undicesimo compleanno. C'è la torta di crema e panna. Tutti stanno cantando «Tanti auguri a te». Ci sono gli ombrellini di carta verdi, rossi, gialli e blu, sui panini. Ma lei i colori non li vede più. Va in balcone. E si butta di sotto. Miss Violence, di Alexandros Avranas, in concorso al Festival di Venezia, è dalla prima scena la storia di un «incidente domestico» che non convince. E che svela piano la barbarie in giacca e cravatta di un padre (e nonno) indecente, l'ossessione sempre ripulita di un uomo che per soldi vende i corpi della propria figlia (e delle nipoti) in scantinati sudici: per sesso sciatto, e violento, per qualche lunghissimo minuto di gioco perverso, a volte perfino incestuoso. Un ritratto pure del silenzio delle donne. Che tutto copre. Ma niente perdona.

Il film greco di Alèxandros Avranàs ha vinto il Leone d’Argento per la miglior regia per il film «Miss Violence».
La Coppa Volpi, per la miglior interpretazione maschile, ha vinto Thèmis Pànou per il suo ruolo nello stesso film.

A questi premi si aggiungono ancora due che il regista ha vinto da giurie di premi correlati; Premio FEDEORA per il miglior film europeo nell’area mediterranea della Selezione Ufficiale della Mostra del Cinema e Premio Arca CinemaGiovanni conferito da un gruppo di 70 giovani dall’Italia, Francia e Tunisia.

http://cinetrailer.it/Miss-Violence